Monday, May 15, 2017

MALORDA: Malvasia Molotova

MALORDA: Malvasia Molotova

 

Giunto nel plumbeo “mal retiro” del Dottor Malorda per sconfiggere una malattia incomprensibile, un cliente alticcio scoprirà le proprietà curatrici di un vitigno speciale reintrodotto su un celebre monte greco sotto la supervisione di un enologo di discendenza mitologica.

 Alessandro Fantini è il Dottor Famedio Malorda, il sulfureo esteta dagli oscuri legami di potere a metà tra Lord Brummel e un Ludovico II in acido, protagonista del web-serial in cui tutti i tentativi di scampare al disordine di un sistema senza regole e certezze sono destinati a scontrarsi con la salvifica quanto spietata legislazione del caos.

Scritto, diretto, montato, interpretato e prodotto da
Alessandro Fantini
Musiche di Alessandro Fantini
Citazioni da "Le Baccanti" di Euripide e la "Divina Commedia" di Dante.

 

 

Friday, March 3, 2017

AFANzine - H.P. Lovecraft

AFANzine - H. P. Lovecraft
Il richiamo di Providence

Tra video-magazine e documentario, progamma divulgativo e videoarte, in questa serie pensata e realizzata per il web, l'artista multimedianico AFAN Alessandro Fantini passa in rassegna nel suo atelier le correnti e gli artisti che hanno contribuito negli anni alla sua formazione estetica, influendo sulla maturazione del suo personale approccio multiforme alla creatività.

In questa puntata AFAN propone un ritratto del celebre scrittore americano che più di tutti ha legato vita e opera alla sua città natia, Providence, nel Rhode Island. Pressoché sconosciuto in vita e a lungo sottovalutato dopo la morte, le vertigini e gli abomini cosmici del suo personale universo mitologico continuano ancor oggi a fecondare l’immaginario di un’incessante moltitudine di pittori, registi, scrittori, fumettisti e appassionati di giochi di ruolo.


Tuesday, February 14, 2017

"New York, a venture" il mistero abita a Central Park.


«Immagini evocative della città di New York e una storia visionaria: quest’opera rappresenta la vera essenza di ogni film indipendente che consiste, in definitiva, nello sfidare i limiti del cinema come mezzo espressivo». Sono i motivi per i quali la giuria del festival cinematografico Movies4Movies di Dobbs Ferry ha selezionato “New York, a venture”, il film di Alessandro Fantini, un regista di Atessa. La pellicola sarà presentata, il 25 febbraio, come unico film italiano, nella rassegna di cinema indipendente che si svolge nella cittadina, dieci miglia a nord di New York, la stessa in cui è cresciuto Mark Zuckerberg, il creatore di Facebook.

“New York, a venture” è stato scritto e girato tra il New Jersey e Manhattan da Fantini, regista, pittore, compositore e scrittore, nonchè attore nel nuovo film "Omicido all'italiana" del comico teatino Maccio Capatonda. Il film completa la “Trilogia delle città dalla Mente nascosta” iniziata nel 2009 con il film mystery “Nepente” ambientato a Roma e proseguita con il lungometraggio sci-fi “Edonism” realizzato a Tokyo nel 2010. In uno stile obliquo tra docufiction e thriller, il film segue le vicende di Adam Clairfield, disoccupato dell'Ohio richiamato nella nativa New York dalla proposta di lavoro offerta da Kevin Alcott, lontano cugino che sta avviando una nuova misteriosa e rischisa impresa (la "venture" del titolo) nella Grande Mela.

Prosegue su Il Centro: http://ilcentro.gelocal.it/tempo-libero/2017/02/14/news/new-york-a-venture-il-mistero-abita-a-central-park-1.14876522?ref=hfqapebt-1

Friday, January 20, 2017

Sylphie, storie di deliri, delizie e deiezioni



  
Sylphie non ha mai conosciuto il significato della parola pudore: la sua unica aspirazione nella vita consiste nel girovagare nuda nel parco del signor Clapham, agronomo in pensione che alla passione per i vegetali ha da tempo sostituito quella per la carne. Dopo la denuncia per violenza sessuale intentata da Ophelia Morse, il pittore inglese Adrian Nostos decide di fuggire da Londra e rifugiarsi in Spagna, sulla Costa Brava, dove ad attenderlo troverà nuove angosce e spettri erotici pronti ad unirsi alla sua folta schiera di ossessioni fisiche e metafisiche. Felipe ed Ally vivono in una villa modernista a Cap d’Antibes, sulla Costa Azzurra, entrambi tormentati dall’imminenza del parto: letterario quello di Felipe, da mesi impegnato nello scrivere quel capolavoro che dovrebbe salvare le loro vite dall’anonimato; letterale quello di Ally, ormai giunta al nono mese di una gestazione che minaccia di stravolgere il labile equilibrio delle loro esistenze. Un'antologia di storie geometricamente deliranti in bilico tra erotismo e weird fiction, narrate attraverso la lente deformante quanto rivelatrice di una prosa pirotecnica  arroventata da un feroce estetismo "fin de siecle", erede della penna alcaloide del Conte di Lautréamont e dei parossismi erotici di Georges Bataille e Irvine Welsh.

    Indice:
     -Sylphie
    - La tana dei bioidi
    - Adrian Nostos
    - Lavandula
    - Il Modello 
    - Interregno 
    - L'Amleto e il gatto cardinale
    - Anadiomene
    -  L'Ululato di Callimaco
    - Chiarivari
    - La valle della dea Silloide
    -Note biografiche
    - Bibliografia.
 

Friday, January 13, 2017

AFAN VAN SANGRE

AFAN VAN SANGRE trailer (2012)


 

 AFAN VAN SANGRE (2012)
La mia Vita nella Valle del Sangue


Un biodocumentario geomistico e fluviale ideato, diretto, scritto, montato e prodotto da
AFAN VAN SANGRE
alias
ALESSANDRO FANTINI

Seguendo quello del fiume Sangro che dà il nome alla sua valle natia, il corso della vita artistica di Alessandro Fantini si snoda lungo il paesaggio interiore di un regno poetico esplorato e mappato da quasi 30 anni di memorie, visioni e melanconie catturati sulla superficie vivente delle sue opere "multimedianiche".
Tra i "calanchi che delimitano la valle a nord come contrafforti millenari" e l'aspra radura che bordeggia le anse e le rade del fiume, gli enigmi che popolano la Valle del Sangue si tramutano negli oracoli di quella storia silenziosa narrata attraverso i liquidi geroglifici che irrorano l'intera opera letteraria, pittorica, musicale e cinematografica di AFAN VAN SANGRE.
A riconferma che "attraverso ogni essere" vive e si estende "uno spazio/ spazio interno del mondo".