AFAN VAN SANGRE - Vita, opere e visioni

 

Alessandro Fantini, in arte AFAN VAN SANGRE, nasce nel secolo scorso a Piazzano, un piccolo centro nei pressi della zona industriale della Val di Sangro in Abruzzo. Non ha ancora terminato la scuola primaria quando nel 1988 il settimanale nazionale Topolino recensisce una sua storia a fumetti ispirata alle formule disneyane.  Nel 1992 scrive il suo primo romanzo gotico “Le colline di Laurie” influenzato da Edgard Allan Poe, H.P. Lovecraft e Stephen King e  da allora non ha più smesso di creare città, regioni, continenti e mondi paralleli. Nel 2002 si laurea con lode nella facoltà di lettere e filosofia di Chieti con una tesi di ricerca in storia dell’arte contemporanea compiuta tra Roma e Londra dal titolo “Fortuna dei Preraffaelliti in Italia”. 

Dal ’95 al 2014 espone i suoi quadri in varie personali, collettive e performance nazionali e internazionali richiamando l’attenzione della carta stampata e della RAI. Nel marzo 2004 a Roma consegna un ritratto "psicomagico" al regista e scrittore cileno Alejandro Jodorowsky in occasione della presentazione della sua autobiografia "La Danza della realtà".   Nell’estate del 2004 dirige e produce il mediometraggio “Login Praeneste” ambientato a Roma. Nel settembre di quell'anno un suo autoscatto realizzato nell’atelier viene pubblicato nel booklet del disco “AERO” del celebre compositore francese Jean-Michel Jarre. Nell’ottobre del 2005, all'inaugurazione della mostra dedicata a Stanley Kubrick a Pescara, consegna personalmente un ritratto del regista alla vedova Christiane Kubrick. Nell’aprile 2006 il canale Sky Family Life TV trasmette il suo corto “Tiranti Transit”. 

 

 

Nel maggio 2006 è alla Fiera Internazionale del Libro di Torino per partecipare alla presentazione della collana “Fantagraphia” in qualità di illustratore e co-autore della raccolta “Il Velo della Notte” pubblicata dalla casa editrice Liberodiscrivere di Genova. Nel 2007 pubblica il romanzo fantasy “Endometria - Il seme della carne” e illustra “Il Bosco di via Quadronno” di Dario Malini. Nell'ottobre del 2007 espone una selezione di dipinti all’interno della collettiva Art in Mind presso la Brick Lane Gallery di Londra. Il suo corto “La Strada per Shakti” viene trasmesso da Mini Movie sul canale EcoTv Sky 906. 

Il suo video artistico “aVoid” viene selezionato dalla giuria presieduta da Enrico Ghezzi per il “Digital Awards 16mm Film Festival 2008” di Roma e per la sezione “Tiscali in Shorts” del festival internazionale “I've seen films” diretto da Rutger Hauer. Nel 2008 pubblica la sua prima monografia d'arte in lingua inglese dal titolo “The Sinovial Gaze – The art of Alessandro Fantini” edito e distribuito da Lulu. Nel settembre dello stesso anno è ospite della puntata pilota del programma ARTU in onda su RAI DUE. L'anno dopo è al Festival di Cannes in veste di regista e sceneggiatore  e partecipa con l'attrice Rona Hartner alla prima del film "L'imaginarium del Dottor Parnassus" in occasione della quale incontra il regista Terry Gilliam.

 

 

Nel 2009 la sua miniserie “Le cornici della pioggia” viene selezionata per il Premio Cinquestelle 2009 e trasmessa sul canale Sky 906. Nel 2010 gira il suo primo lungometraggio “EDOnism” interamente ambientato a Tokyo. Il mediometraggio “Nepente” girato a Roma nel 2009 viene trasmesso all’interno del programma “You on TV” prodotto da Cinecittà 3 sul network nazionale dei canali privati. Nel 2011 dirige il thriller “Epithell” e il video animato per “Hope” il singolo del batterista Lorenzo Tucci tratto dal suo album “Tranety”. Nello stesso anno pubblica la monografia d’arte “Presque Vu – Atlas of Untold” e la raccolta di fumetti “Linea Gustav”. 

 

 

Nel 2012 espone all’interno della collettiva internazionale “Green Blood” allestita dalla Dorothy Circus Gallery di Roma. Nel 2013 è presente con l’opera su tela “Je ne sais quoi” alla collettiva “Painted Sound” allestita dalla Flower Pepper Gallery di Old Pasadena in California. Il suo video “Time lash” viene presentato al “Premio Cinematografico Palena”. Nello stesso anno è a New York per realizzare il documentario videopoetico “Bryant’s ode”. 

 

 

Nel 2014 è ospite del programma “Community – L’Altra Italia” condotto da Benedetta Rinaldi in onda sul canale internazionale RAI ITALIA e su RAI SCUOLA. Nell’estate dello stesso anno torna negli USA per dirigere il mystery “New York, a venture” girato a Manhattan. Il quadro “Je ne sais quoi” viene esposto a New York negli spazi del “Buyonz Store” nel Garment District. Nel 2015 pubblica il suo sesto romanzo "Nell'Alba dell'Estuario" e il concept album “Son of chasm”, primo album di sole canzoni concepito come “opera multimedianica totale” corredato da una serie di video musicali. Nel 2016 in qualità di collaboratore del webzine Ondarock per il quale scrive recensioni di musica elettronica, intervista Jean-Michel Jarre prima del suo concerto nell'Auditorium Parco della Musica di Roma. Ad Ottobre pubblica l'album "Antalgica" contenente 4 canzoni composte ed eseguite in collaborazione con la cantante finlandese Anna Vihonen in arte ARIANA. Nello stesso mese interpreta un reporter d'assalto in due scene del film "Omicidio all'italiana" del comico Maccio Capatonda.

 


  Nel Febbraio 2017 il suo dipinto ad olio "Slitzweitz" ispirato dall'ascolto dell'album "Ommadawn" di Mike Oldfield, viene selezionato dallo stesso musicista britannico come uno dei nove vincitori del concorso "Ommadrawn" indetto in occasione del lancio del suo nuovo lp "Return to Ommadawn". Il 25 Febbraio  il film "New York, a venture" viene proiettato all'interno del programma della prima edizione del "Movies4movies" film festival fondato dalla filmmaker americana Natalie Sena a Dobbs Ferry, a nord di New York.

 

 www.facebook.com/AfanTheMultimedianicArtist 

 www.afan-art.com 

www.saatchiart.com/AFAN

No comments:

Post a Comment